Archivi tag: dell

A Campobello di Licata, per conoscere i vini dell’Azienda Milazzo

Oggi Forchetta e Coltello vi accompagna a Campobello di Licata, in provincia di Agrigento, per conoscere i vini dell’Azienda Agricola Milazzo, i cui vigneti si estendono per oltre 70 ettari in una zona vocata da sempre alla viticoltura.

Qui, tra il sole cocente della Sicilia e le colline verdi che lambiscono il territorio tra Caltanissetta e Agrigento, la brezza marina del Mediterraneo bacia questi vitigni, dove da oltre un secolo si coltivano varietà autoctone. Ed è qui, che nascono vini particolari di cui oggi vogliamo scrivervi.

Giuseppe Milazzo, titolare dell’azienda, è l’indiscusso Re delle bollicine siciliane. Campobello, poi, è una terra generosa, un territorio vocato alla viticolutura e condotto in regime biologico. La peculiarità è data un sistema di lavorazione accorto e rispettoso dell’ambiente circostante.

View this post on Instagram

Vini Milazzo, la nostra idea gourmet

A post shared by Roberto Chifari (@roberto_chifari) on

Tutto comincia dalla vendemmia, ogni pianta viene potata e selezionata a mano per ottenere il miglior grappolo. I lunghi affinamenti, l’età del vigneto e la passione nel lavoro rendono speciali questi vini pluripremiati. Al termine della fermentazione, il vino affina per 18 mesi tra vasche di acciaio inox e botti di legno. Successivamente, è ri-assemblato e messo a maturare in vasche di acciaio per altri due anni. Al termine del quale completa il suo ciclo con un affinamento di 12 mesi in bottiglia ad una temperatura controllata di circa 16°C.

Ma questa è la zona della cosiddetta “fascia del sole”, quel lembo di terra, dove si incrociano le condizioni più generose possibili per conferire all’uva caratteristiche esclusive. La coltivazione nel rispetto dei ritmi della natura, un lavoro continuo di miglioramento della vite, innovazione e rigore produttivo sono quel mix sapiente di ingredienti dell’azienda agrigentina.

maria_costanzaOggi vogliamo scrivere di Maria Costanza, uno dei vini punta dell’azienda, che abbiamo degustato una sera d’estate. Un vino molto piacevole al gusto, di colore rosso tendente al porpora, corposo e perfetto da abbinare a carni rosse, ma non sfigura neanche con la pizza per la sua completezza al palato. L’etichetta, poi, parla chiaro: ‘il vino viene prodotto e imbottigliato all’origine’, significa che la materia prima è realmente prodotta dall’azienda, e in tempi dove l’esasperazione della produzione diventa l’obiettivo di molti viticoltori, questo è un aspetto da non sottovalutare.

Chiudiamo con una piccola chicca, per i Milazzo il 2013 è stato un anno da incorniciare. L’azienda ha vinto sette medaglie al concorso enologico francese Les citadelles du vin. Cinque d’oro, la prima allo spumante Federico II Rex Sicilie 2003 metodo classico, poi al Duca di Montalbo Rosso 2002, al Duca di Montalbo Rosso 2004, al Maria Costanza Bianco 2012 e al Maria Costanza Rosso 2006. Le medaglie d’argento sono andate al Milazzo Classico V38AG Riserva, al Fancello Rosso 2010 e al Terre della Baronia Rosso 2007. A testimonianza che anche in Francia, solitamente snob per ciò che concerne i vini, si apprezza l’impegno e la dedizione di chi sa lavorare.

Azienda Agricola G. Milazzo

S.S. 123 Km 12+700  – Campobello di Licata, Agrigento 92023

T. +39 0922 878207 – F. +39 0922 879796

http://www.milazzovini.com

Regali Doc, le gelatine Terre Nere: un regalo gourmet nel cuore dell’Etna/5

Quinto appuntamento con la nostra rubrica Regali Doc, dieci idee regalo gourmet nel segno indistinguibile della Sicilia.

Tra sentieri e vicoli inizia il nostro viaggio tra le vie del gusto. Siamo a Viagrande, nel cuore del Parco dell’Etna lungo l’itinerario della Strada del Vino, per farvi conoscere Terre Nere. Un’azienda, nata dalla passione di due giovani ragazzi che per l’isola hanno ideato una linea di delicatessen capaci di racchiudere aromi e sapori della Sicilia.

Non ci sono frutti congelati, ma tutto è sapientemente scelto con cura, l’attenzione poi, è riposta in questi piccoli gioielli gastronomici nel rispetto delle tradizioni e dell’alternarsi delle stagioni. Lo zucchero, unico conservante naturale utilizzato, è sapientemente dosato per far sì che si sposi alla frutta senza sbilanciare quell’unione tra sapori e odori. Già al primo cucchiaino, un bouquet di fragranze incontra il palato in una festa di sapori, come piace a noi, inguaribili amanti del bello e buono gastronomico.

Tutti i prodotti, che abbiamo degustato, sono frutto di abbinamenti originali che pensiamo possano essere perfetti per un regalo dal sapore speciale, preparati in maniera assolutamente artigianale, utilizzando solo frutta proveniente da fornitori siciliani.

Nella prima degustazione abbiamo avuto il piacere di provare una pregiata selezione di confettura di ‘Pere coscia con Miele di Zagara e Marsala’. Il nome, evoca il profumo dei fiori primaverili e il vino dolce marsalese, da abbinare a formaggi stagionati, come il Parmigiano Reggiano di 90 mesi.

Nel nostro girovagare tra i sapori, abbiamo anche degustato le gelatine di vino, una chicca che ci è piaciuta per la consistenza e per i variegati abbinamenti proposti. Partendo dallo ‘Zibibbo e miele di Zagara’, perfetto connubio con tutti i formaggi freschi, oppure, con le ‘Gelée Nero d’Avola, miele Millefiori e Cannella’ da abbinare a un altro formaggio, il sicilianissimo Ragusano Dop.

Qualunque abbinamento preferiate, di sicuro il primo assaggio va fatto al naturale, con una fetta di pane fatto col lievito madre e un velo sottilissimo di confettura per saggiare odori e fragranze etnee.

La filosofia di Terre Nere è anche una sfida, come ci spiegano i proprietari: quella di racchiudere in un vasetto di vetro i mille colori e sapori di una zona straordinaria come l’Etna. E noi che l’abbiamo provata, pensiamo che la sfida sia stata vinta.

Il nostro viaggio termina qui, tra i colori vivaci del vulcano e la terra lavica dell’Etna, vi abbiamo fatto conoscere un’azienda giovane, un’altra eccellenza siciliana che ha cuore le sorti della propria terra e a questa ha dedicato dedizione e impegno imponendo rigidi controlli e un impegno continuo sotto il profilo ambientale.

 

TERRE NERE

Via G. Marconi 18/B  – 95029 – Viagrande (CT)

Tel.: +39 095 7890172 – Fax: +39 095 2264100

info@terrenere.it

www.terrenere.it