Archivi tag: birra artigianale

Le due nuove creature di Teo Musso, il modo di reinterpretare la birra artigianale

Oggi a Forchetta e Coltello vi raccontiamo le due nuove creature di Teo Musso, il papà della birra Baladin. Continua a leggere Le due nuove creature di Teo Musso, il modo di reinterpretare la birra artigianale

Annunci

Rocca dei Conti, quando in Sicilia si produce la migliore birra artigianale

Il fenomeno birra artigianale sta crescendo a dismisura e la Sicilia sta recependo il messaggio. Ciò che ci piace raccontare però è la storia di tante piccole realtà che con caparbietà e voglia di fare stanno imponendo uno stile al movimento birraio siciliano. Oggi vi portiamo a Modica per conoscere Rocca dei Conti, giovane realtà imprenditoriale. Continua a leggere Rocca dei Conti, quando in Sicilia si produce la migliore birra artigianale

Come si fa la birra in casa? Baladin ci insegna come diventare homebrewers

Nel 2008 nasce il progetto Open, la prima birra “open source” la cui ricetta venne pubblicata online sul sito internet di Baladin con la volontà di offrire agli homebrewer (produttori non professionisti che producono per hobby la propria birra ad uso esclusivamente privato e quindi non commerciale) la possibilità di replicare e reinterpretare una birra creata per i pub, da un mastro birraio professionista: Teo Musso. Continua a leggere Come si fa la birra in casa? Baladin ci insegna come diventare homebrewers

Due giorni all’insegna della birra artigianale, torna a Palermo Kuaska

 La birra artigianale torna ad essere protagonista a Palermo con una due giorni dedicata ad alcuni tra i migliori microbirrifici del territorio nazionale. L’appuntamento, organizzato da Kuaska Instituut e da HB Siciliani in collaborazione con Beerproject, è per lunedì 9 e martedì 10 marzo. Per l’occasione tornerà in città Lorenzo Dabove, noto agli appassionati come Kuaska, esperto italiano di fama internazionale. Sarà lui a guidare neofiti e appassionati in un nuovo viaggio alla scoperta delle birre artigianali, tra le quali anche alcune siciliane, all’insegna del divertimento e della convivialità. Continua a leggere Due giorni all’insegna della birra artigianale, torna a Palermo Kuaska

Kuaska, a Palermo una lezione sulle birre artigianali

Avevamo scritto nei giorni scorsi di un’interessantissima lezione sulle birre artigianali tenuta dal massimo esperto del settore, Lorenzo Dabove in arte Kuaska.  Leggi l’articolo completo qui.

Continua a leggere Kuaska, a Palermo una lezione sulle birre artigianali

Viaggio nel mondo delle birre artigianali, la nostra degustazione con Kuaska

“Non esiste la birra esistono le birre”, inizia con questa massima la degustazione di Lorenzo Dabove, in arte Kuaska, uno dei più apprezzati esperti di birra belga che negli ultimi anni si è impegnato nella promozione di birra artigianale in Italia. Un fenomeno in grandissima ascesa che ha trovato nel nostro Paese un largo seguito di appassionati e beerlovers. Continua a leggere Viaggio nel mondo delle birre artigianali, la nostra degustazione con Kuaska

Kuaska a Palermo, una serata all’insegna delle birre artigianali

La birra artigianale protagonista a Palermo con nove tra i migliori microbirrifici del territorio nazionale. L’appuntamento, organizzato dal Kuaska Institute in collaborazione con Beerproject, è per venerdì prossimo, 23 gennaio, al Quinto Canto Hotel – Locanda del Gusto, in corso Vittorio Emanuele 310.  Continua a leggere Kuaska a Palermo, una serata all’insegna delle birre artigianali

Bibendum, la birranoteca di Milano firmata Baladin

Torniamo a parlare di Baladin e di birra artigianale. Vogliamo farvi conoscere una nuova birraenoteca nel cuore di Milano. Oggi vi parliamo di Bibendum. Continua a leggere Bibendum, la birranoteca di Milano firmata Baladin

A Cuneo, per conoscere la birra di Teo Musso

Scrivere in poche righe la storia di Teo Musso e della Baladin sarebbe semplicisitico e pretestuoso. Decidiamo di scrivere lo stesso di un personaggio che, a ragion veduta, la birra artigianale la fa ogni giorno e merita uno spazio importante nel movimento birraio italiano. Ai pochi che non lo conoscessero, invece, presentiamo un personaggio che tutti dovrebbero apprezzare per l’impegno e il sacrifico che mette in ogni boccale di birra.

L’azienda si chiama Baladin e si trova a Farigliano, provincia di Cuneo. Siamo in Piemonte e l’acqua arriva direttamente dalle Terme di Lurisia, prodotta utilizzando malto d’orzo, grano saraceno e spezie. Come lievito viene usato un ceppo da scotch whisky. Il suo proprietario si chiama Teo Musso, a lui il mondo birraio italiano deve tanto, riconoscendogli una sagacia che hanno in pochi.  L’arrivo nei ristoranti o la bottiglia da 75 cl sono scelte che hanno spianato la strada a un settore che faticava a ritagliarsi uno spazio.

“Alle prime imbottigliate, Super e Isaac, si sono via via affiancate molte altre proposte, che hanno conquistato un numero sempre crescente di consumatori, in Italia e all’estero. Grazie all’estro e alla costanza di Teo le birre artigianali sono arrivate sulle tavole dei grandi ristoranti, come nelle selezioni dei migliori pub e negozi. In questi anni non è mai mancata una continua e incessante ricerca sulle materie prime, sul metodo produttivo, per cercare di offrire sempre il meglio. Oggi le birre Baladin, curate con sempre maggiore maestria da Paolo “Palli” Fontana e del suo staff, sono prodotte con le migliori tecnologie che permettono di coniugare artigianalità e qualità. Oltre 30 varianti di gusto e formato in continua evoluzione e con sempre nuove idee di ricette da aggiungere. Le Speziate: Isaac, Wayan, Nora. Le Puro Malto: Super, Elixir, Leön. Le Luppolate: Super Bitter, Nazionale. Le Speciali: Mielika, Mama Kriek, Zucca, Nöel Vanille, YI-ER, Etrusca. Le Open: Open, Open Rolling Stone, Open Riserva, Open Noir. La Cantina – Riserva Teo Musso:   Xyauyù Oro, Xyauyù Barrel, Xyauyù Fumè, Lune, Terre. E le birre solo alla spina: Nelson, Niňa, Brune. E poi le birre fatte con gli amici homebrewer con l’iniziativa “Birraio per 1 giorno” e le tante chicche fatte per gli eventi speciali”.

Proprio per questo, capirete bene che scrivere in un solo articolo di una azienda così grande sarebbe impossibile, ecco perché cominciamo a studiare la vasta gamma dell’azienda partendo da dove tutto ha avuto inizio: la Isaac. Una birra speziata, molto aromatica, di colore albicocca, chiara e con una schiuma pannosa, prodotta con frumento crudo, speziata con coriandolo e scorza d’arancia. Freschissima al palato, d’ispirazione Blanche, ha un corpo leggero ed è molto beverina. Al naso ricorda sentori agrumati, in bocca si sente un aroma fruttato.

Noi l’abbiamo abbinata al pesce,  non è un accostamento insolito perché la sua freschezza e la chiarezza permettono un perfetto accouplage che la rende unica. In ogni caso, è l’ideale per un aperitivo o accompagnata a cibi freschi.

 

Il nostro viaggio termina qui, ma vi promettiamo che torneremo a scrivere della vasta gamma della linea Baladin per farvi conoscere pian piano tutte le eccellenze di questa grande piccola azienda.

Baladin
Località Prella, 60
Tel. 0173.778013
web: http://www.baladin.it

A Nocera Umbra, sulle orme dell’Antico Monastero di San Biagio

Capita a volte di scoprire una birra quasi per caso, una cena in un ristorantino e il suggerimento di una birra artigianale. In verità, qualcosa la conoscevamo già, ma la possibilità di berla alla spina ci ha portato a degustarla e a scrivere di questa azienda umbra.

Forchetta e Coltello vi porta a 750 metri d’altitudine, nel verde Parco del Monte Subasio, a conoscere l’Antico Monastero di San Biagio, dove si produce birra artigianale, conserve, formaggi, olio d’oliva e salumi.

E qui, dove il tempo sembra essersi fermato, la passione per la birra e la meticolosità del Mastro Birraio, fanno dell’Accademia di San Biagio un luogo d’Eccellenza.

Proprio qui, già dal 1333, sembra che i monaci si riunissero in meditazione e, nel pieno rispetto del territorio, lavorassero in comunità ciò che la terra offriva loro. In questo luogo appartato pochi uomini hanno realizzato il sogno di molti: un’Accademia dedicata alla ricerca e selezione delle eccellenze dei sapori del territorio.

E dal Monastero di San Biagio, ancora oggi come una volta, prendono vita prodotti unici, frutto di antiche maestranze. Una di queste è la birra, artigianale, prodotta da Giovanni Rodolfi, Mastro Birraio umbro ma Monaco del terzo millenio, come ama definirsi. E’ stato proprio lui a dare impulso a una nuova tradizione, coniugando innovazione e tradizione con la stessa antica ricetta di secoli fa.

Il processo prevede un riscaldamento a 76 gradi, poi, l’ebollizione e l’estrazione dell’anidride carbonica e una nuova fermentazione in bottiglia, che dà un segno ben preciso alla birra. Il segreto, però, sta soprattutto nel sapiente bilanciamento e utilizzo degli aromi, ben prima dell’arrivo del luppolo, si usava aggiungere alloro, miele o altre erbe per aromatizzare la birra. Una tradizione, ripresa ancor’oggi nel segno della tradizione e che marca la birra San Biagio.

Quattro le birre in bottiglia: Monasta, di colore ambrato, con sentori di nocciola e caramello. La Ambar, una birra scura dal profumo e dalle note del caffè tostato. La Gaudens, chiara a prima vista, fermentata a bassissime temperature e quindi leggera con profumi di luppolo e malto. E infine, la Verbum, un’altra birra chiara con netti sentori fruttati.

Birra San Biagio

Nocera Umbra (Pg) Italy
+39 075 80 39 232

http://www.birrasanbiagio.com